Chi è online

 3 visitatori online

Istituto Tecnico Industriale
DON LUIGI ORIONE

FANO


Istituto Tecnico Industriale Don Luigi Orione Fano: Aggiornato il 08 ottobre 2018


Messaggio

Warning
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

PDF Stampa E-mail

L'ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE "DON LUIGI ORIONE" è una scuola libera e autonoma, pubblica e cattolica.

Essa ha dunque le seguenti caratteristiche:

SCUOLA

La Scuola è uno degli strumenti più importanti di educazione che aiutano e completano il diritto originale e fondamentale della famiglia all'educazione.

 

E' compito della Scuola:

  • coltivare con assidua cura le facoltà intellettuali, creative, estetiche dell’allievo;
  • sviluppare la capacità di giudizio, la volontà, autostima e l’affettività;
  • promuovere il senso dei valori;
  • favorire le giuste attitudini e i saggi comportamenti;
  • introdurre l’allievo nel patrimonio culturale acquisito dalle generazioni precedenti;
  • preparare per la vita professionale;
  • alimentare il rapporto amichevole tra alunni di diversa indole e condizione.

LIBERA E AUTONOMA

Per l'importanza che il ruolo della Scuola ricopre nell'attività educativa, spetta all'allievo e ai suoi genitori la scelta del sistema di educazione e di conseguenza del tipo di Scuola che preferiscono.

Il Centro “Don Orione” di Fano si definisce pertanto come Scuola libera e autonoma, cioè non statale. Realizza difatti l’esercizio del fondamentale diritto della libertà

  • delle famiglie e degli studenti che la scelgono;
  • dei docenti, religiosi e laici, che vi prestano il loro servizio con l’attuazione di un particolare indirizzo educativo-culturale.

Per le esigenze di questo indirizzo, opera:

  • una libera scelta dei docenti;
  • una libera accettazione degli studenti, nel senso che ad ogni studente viene riconosciuto il diritto ad iscriversi alla nostra scuola, purché ne accetti liberamente lo statuto, il progetto educativo e i regolamenti;
  • un peculiare adattamento di orari e programmi.

PUBBLICA

La scuola esercita sul territorio un servizio pubblico rilasciando le certificazioni e i titoli che le competono rilasciare. Per tale motivo il Centro “Don Orione” di Fano non si ritiene “Scuola privata”.

CATTOLICA

In forza della meta globale cui tende il Progetto educativo sarà compito del Centro in quanto Scuola cattolica “coordinare l’insieme della cultura umana e tecnico – professionale con il messaggio della salvezza sicché la conoscenza del mondo, della vita, dell’uomo che gli alunni via via acquistano, sia illuminata dalla fede. Solo così la Scuola cattolica, mentre si apre alle esigenze determinate dall’attuale progresso, educa i suoi allievi a promuovere efficacemente il bene della città terrena e insieme li prepara al servizio per la diffusione del Regno di Dio, sicché attraverso la pratica di una vita esemplare ed apostolica, diventino come il fermento di salvezza della comunità umana” (GEM, 8).

Le Scuole Cattoliche si ispirano a un pluralismo di stili e metodi educativi fondati sul Vangelo. La Scuola cattolica di Don Orione si ispira al metodo che Don Orione ha denominato “paterno - cristiano”.

Aperta a tutte le classi sociali, intende contribuire alla estensione della cultura e alla preparazione tecnico – professionale a tutti, migliorandone la qualità. Possiede alcune caratteristiche fondamentali:

  • la preferenza per i giovani degli ambienti popolari;
  • la scelta educativa: l’istruzione e la formazione impartite sono intenzionalmente finalizzate alla crescita globale dei giovani come persone;
  • il primato dell’evangelizzazione, nel suo valore di vocazione e missione: intende realizzare il modello di persona umana rivelata da Cristo; accompagna i giovani che fanno la scelta della fede nel percorrere l’itinerario di vita da Lui proposta fino alla santità; sostiene nella realizzazione personale secondo il proprio progetto di vita i giovani che non sono pervenuti alla fede e si confronta nel dialogo rispettoso con i giovani di altre confessioni religiose;
  • l’attenzione ad una cultura della prevenzione nell’educazione dei giovani, grazie a modelli comunitari educativi e didattici originali;
  • l’inserimento a pieno diritto e con piena responsabilità nella vita e nella missione della Chiesa;
  • l’impegno perché la comunità cristiana e la società civile riscoprano e assumano rispettivamente la dimensione educativa e culturale dell’esperienza cristiana e di convivenza civile;
  • l’indipendenza da ogni ideologia e politica di partito;
  • la cooperazione con quanti costruiscono una società solidale, più giusta e più degna dell’uomo.